ConfCooperativeViterbo


news



Stop all‘aumento dell‘IVA

annuncio del Presidente del Consiglio Enrico Letta


Stop all’aumento dell’IVA a carico delle cooperative sociali. Ad annunciarlo il Presidente del Consiglio Enrico Letta. Un aumento che, se fosse stato confermato, sarebbe andato incontro ad una mobilitazione generale indetta per il 6 novembre dall’Alleanza delle Cooperative Sociali. Un’organizzazione che da sola rappresenta oltre il 90% della cooperazione impegnata nel sociale, dà lavoro a 360.000 persone e assiste 7.000.000 di italiani. Uno stop che costituisce un risultato importante che premia l’impegno e la mobilitazione di Confcooperative”. A dichiararlo è la Presidente di Confcooperative Viterbo, Bruna Rossetti.

“Ci auguriamo – evidenzia Bruna Rossetti – che si tratti di una scelta definitiva. L’aumento dell’IVA a carico delle cooperative sociali – che in molti casi soffrono anche per i mancati pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni – lascerebbe senza servizi 500.000 famiglie e senza lavoro 43.000 persone. Un mondo che intendiamo tutelare fino in fondo. Un incremento dell’IVA che va eliminato senza se e senza ma”.

Con 549 realtà presenti sul territorio, Confcooperative Viterbo ha il più alto numero di cooperative attive di tutto il centro Italia. “Una realtà – spiega la Presidente Rossetti – che ha saputo diventare protagonista del territorio con 13900 soci, 1600 addetti, 4mila abitazioni costruite, 1500 assistiti e 155milioni di euro di fatturato aggregato al netto del credito cooperativo. Un’organizzazione – conclude la Rossetti – che ha saputo sviluppare anche un Welfare Sociale rivolto al mondo della cooperazione. Un Welfare che va dal Centro Servizi alle Aree ricerca, progettazione, formazione, servizi assicurativi; dall’Uniservus a Fedagrirete fino alla consulenza e all’assistenza legale, alla camera di conciliazione e ai servizi di informazione.